Tag: patchwork

Il buon compleanno del T4P

Sono troppo contenta ho finalmente finito le wonkystars del progetto del T4P.

Mi piacciono un casino sono colorate e veramente veloci e facili da fare.

wonkystars

Non vedo l’ora che mi arrivino quelle delle altre forumine, peccato che mi toccherà asepttare quasi un anno 🙁 . Del resto però questo mi darà modo di finire un pò di progetti che ho nella scatola e di pensare al layout che voglio dare a questo quilt.

Come al solito un mega ringraziamento allo staff del time for patch per la bellissima idea e per l’ottimo tutorial (folletta sei un mito!!!).

 

firma

 

Aprile dolce dormire.

cuscino2
Con questo calduccio cosa c’è di meglio di una dormitina pomeridiana sul divano? Il bracciolo è terribilmente scomodo 😛 , e allora? Un cuscino è proprio quello che serve!
E’ un periodo molto fitto e purtroppo non posso realizzare tutte le idee che ho in mente, men che meno tutte quello proposte dal T4P. Una delle iniziative che c’era e che mi piaceva riguardava appunto i cuscini. Prendendo spunto da quella ( e dalla cecagna pomeridiana 🙂 ) ho colto l’occasione per realizzare un cuscino per la mia nonnina.
Visto che siamo vicini a pasqua avevo deciso di fare qualcosa di attinente e avevo trovato su pinterest un progettino niente male con lo schema per l’appliquè di un coniglio che mi piaceva.
Potete realizzare una federa di 50 x 50 cm (20″x 20″) perfetta per i cuscini di ikea da 1.99 e 2.99 euro.
Il cuscino nell’insieme mi piace ma effetticamente la scelta della stoffa di contorno è stata un pò infelice perchè soffoca un pò il coniglietto applicato.
Realizzare il coniglietto è piuttosto facile, vi serve giusto la Heat’n Bond o un’altra carta termoadesiva per cucito.
Realizzate 32 quadrati 2.5″ x 2.5″ che disporrete come mostrato nel tutorial. In sostanza dovrete fare una griglia 6×5 con l’aggiunta di 2 quadratini sopra.
griglia coniglio Provate a disporli in diversi modi fino a trovare l’arrangiamento che più vi piace.
Dopo aver ricopiato la sagoma del coniglio e dei tulipani (separatamente) sulla carta termoadesiva, procedete posizionando la carta sui quadratini di stoffa (ovviamente precedentemente cuciti a 1/4″).

collage-coniglio
Stirate la sagoma sui quadratini (rovescio della carta sul rovescio della stoffa) e poi ritagliate la stoffa tutto intorno. Tagliate ora un quadrato 16″ 1/2″x 16″ 1/2″ dalla stoffa con cui volete realizzare il cuscino.
Centrate il coniglio nulla stoffa e i tulipani in modo da avere ben presente come dovrete comporre il disegno. Eventualemente segnate dei punti di riferimento. La prima cosa che dovrete stirare in posizione sono i 2 tulipani. Per prima la parte dentro piccolina e i gambi (vi conviene segnare con un gessetto o con un pennarello di quelli che scompaiono le posizioni dei fiori) e poi le 2 corolle. Successivamente stirate il coniglio nella posizione che avete trovato.
Utilizzate il punto che più vi piace per completare l’appilquè. Partite dal coniglio e poi fate i fiori.
Dobbiamo ora aggiungere la coda. Utlizzate una stoffa un pochino pelosa, una ciniglia o roba simile. Io ho riciclato un pezzo di una vecchia tutina di Ciottolina 😉 . Dopo aver cucito il coniglio applicatela sopra e stiratela per poi passare a rifinirne il bordo.
applicazione

A questo punto aggiungiamo dei bordi al pannello utilizzando gli scraps che avete usato per il coniglio. Tagliate delle strisce alte 1″ e cucitele. Poi squadrate il tutto. Aggiungiamo un altro bordo fino ad arrivare a 22″x 22″ finito. A questo punto postete iniziare a fare il sandwich e a trapuntare. Io non ho fatto una cosa porprio carina ma avevo poco tempo e sono andata con la macchina invece che di free motion (almeno ho potuto anche utilizzare qualche punto nuovo della mia super macchina).
Finito il trapunto riquadrate 21″x 21″. Tagliate due rettangoli 21″x 15″, orlateli entrambi da un lato (quello lungo) (io ho fatto un orlo da 1/2″). Io faccio in genere sempre anche gli zig zag dopo aver fatto l’orlo per essere sicura che il tessuno non sfilacci.
IMG_20150402_112511
Scusate l foto un pò penosa ma si vede come posizionare il rettangolo. Mettete anche il secondo rettangolo in modo che i due si sovrappongano centralmente. Mettete qualche spillo e cucite a 1/2″ tutto intorno. Dopo di che tagliate via gli angolini (in modo che quando andate a rigirare il cuscino sul dritto non ci sia tessuto che avanza sugli angoli) e fate lo zig zag tutto intorno. A questo punto risvoltate il cuscino e il gioco è fatto.
Devo ringraziare Milena e il T4P per le dritte sull’assemblaggio del cuscino. Trovate comunque anche qui un tutorial ben fatto su questa tecnica. Qui invece una chiusura leggermente diversa con dei laccetti, mentre per utilizzare una cerniera potete guardare sul blog di Daniela

firma

Infinity Scarf

Era un pò  che avevo voglia di realizzarne una e il fatto che fra poco ci sia il compleanno della mia nonnetta mi ha dato l’occasione per farla. Il procedimento è piuttosto semplice ma a mio avviso l’effetto è veramente carino. Io ho utilizzato tre stoffe diverse, tutte Rowan:

Hapi by Amy ButlerIMG_20140915_174052
la paperweight purple di Kaffe Fassett
ZigZag by Brandon Mably
-nella foto dall’alto in basso-

La lunghezza della sciarpa finita può variare tra i 150 e 160 cm decidete voi per la larghezza diciamo che 22 cm sono una buona misura. Quindi tagliate tre strisce di tessuto 45×50 (o 55) cm. Le strisce andranno cucite una di seguito all’altra sul lato da 45 cm, dritto contro dritto e stirate poi i margini di cucitura aperti. Come margine di cucitura potete usare 1 cm (già considerato nelle misure dei pezzi di stoffa). A questo punto stirate a metà il tessuto lungo il lato lungo con il dritto all’interno e cucite il lato lungo. Anche in questo caso stirate aperte le cuciture.

Fatto questo infilaIMG_20140915_185040te la mano all’interno del tubolare di stoffa e tirate una estremità finché non combaci perfettamente con l’estremità che avete in alto. Fermate con degli spilli e cucite lungo la circonferenze (dritto contro dritto) lasciando un’apertura di 5-8 cm che vi permetterà di rigirarla.

Una volta posizionata con il dritto all’esterno cucite con il sottopunto l’apertura che avevate lasciato.

infinity scarf

Siete nel mio cuore

Negli States settembre è il mese nazionale del quilting, l’ho scoperto solo oggi grazie alla mia amica Paula 

Nat Sewing and Quilting Heart Banner-08

Per questa occasione il negozio “Fat quarter shop” ha creato  una pattern molto carina che mette a disposizione. 

FREE Color my Heart Quilt Pattern

E’ una pattern di facile realizzazione perfetta anche per chi vuole avvicinarsi al patchwork

free heart pat

Se decidete di realizzarla non dimenticate di taggarla #colormyheart in modo che tutti possano vederla ;).

Purtroppo non ho ancora iniziato con il mio cuore sono impelagata con il mio “progetto ambizioso” che però procede abbastanza bene, ma credo che lo farò preso perchè mi piace vermente tanto, magari per un altro quilt per ciottola. Nel frattempo potete sbirciare quella di Paula nel suo blog.

Un progetto mooolto ambizioso: X’s & O’s quilt

IMG_20140714_170637

Finalmente mi sono liberata del corso che stavo seguendo, è passato anche il compleanno di Ciottolina con annessa organizzazione principesca e posso di nuovo dedicarmi alla coperta delle meraviglie (copertao meravigliao a detta di F. e per rimanere in tema Brasile).

L’idea di questa coperta è nata da una class che avevo seguito su Crafsty e dal fatto che prima della fase più tosta del corso ero riuscita a tornare da Rosalba (la mia impagabile maestra di patchwork) per finire la copertina di Ciottola.

I blocchi per realizzare questa coperta sono piuttosto facili, il problema è che ne servono tantissimi (288 per l’esattezza). La disposizione poi era decisamente non banale ma per fortuna ho un marito ingegnere che ha pensato a un modo rapido per farmi avere un’idea di insieme di come sarebbe venuto il quilt finito. L’idea a me è sembrata geniale, abbiamo fatto la foto di ogni blocco diverso (quindi 20 blocchi) e poi li abbiamo duplicati fino ad arrivare ai 288 che ci servivano. Dopo di che li abbiamo disposti finché non abbiamo trovato il disegno che ci piaceva di più. In questo modo ora che inizierò a cucire le file sarò meno propensa ad incasinarmi.

Questa è l’anteprima di come dovrebbe venire il quilt finito:

coperta

che ne dite? Cambiereste qualcosa? All’inizio avevo pensato di creare un disegno magari mettendo a due a due alternate le stesse fantasie oppure gli stessi colori, ma alla fine mi è sembrato che il risultato con una disposizione più o meno casuale fosse il migliore.

La coperta finita avrà un primo bordo piccolo avana (come i quadrati centrali per capirsi) e poi un bordo più grande di questa stoffa:

bordo2charmpack

 

Per realizzarlo servono 7 charm pack fantasia- True Colors by Jenean Morrison for Free Spirit Fabric- (che io ho acquistato qui) e 4 tinta unita – Bella solid natural by Moda Fabric- (in realtà 3 e mezzo).

Il lavoro ovviamente è ben lontano dall’essere terminato ma vi terrò aggiornati 😉

Si prosegue, ben due strisce sono state assemblate diciamo che ora la questione è che non so se fare 16×18 blocchi o 14×16. L’idea iniziale era 14×16 ma poi mi era sembrata piccola, ora ripensandoci forse va bene anche 14×16 in effetti. Tenete conto che ogni blocco finito sono circa 4,5″. Che dite? Non c’è nessuna quilter più esperta di me ( e dire che non è cosa difficile :P) che vuole darmi un consiglio?

Intanto aggiungo una foto delle due strisce assemblate, a prestissimo.

NEWS

Siamo arrivati a quasi metà quilt, Alla fine penso che le dimensioni saranno di 15×18 blocchi.

 

Pochette Quilt as you Go

Vengo da un periodo stressantissimo per lo studio ed erano giorni ormai che non mettevo mano alla macchina da cucire. L’altro pomeriggio lo sclero, basta studiare ci voleva proprio far qualcosa di manuale che mi facesse staccare un pò la testa. E visto che c’era la festa della mamma di mezzo ho deciso di fare una piccola pochette da regalarle. Una cosa veramente facile utilizzando la tecnica di questa class. IMG_20140511_120334Ho usato vari ritagli che mi erano avanzati da altri lavoretti per la parte esterna e per la fodera un tessuto neutro che avevo da parecchio e che non mi ricordo assolutamente in cosa lo avevo già utilizzato. Tra l’altro non avevo l’imbottitura giusta da quilting  (è stata veramente una cosa estemporanea) quindi ho usato una robaccia sintetica che come potete vedere fa abbastanza schifo. Partite da un primo pezzetto di stoffa possibilmente quadrato e poi cucite intorno (tipo log cabin) le altre strisce, trapuntando via via a macchina. Non tagliate a misura l’imbottitura su cui trapuntate, tenetevi larghe. Quando siete più o meno alla misura desiderata taglierete a misura con il cutter. Io ho fatto due lati così e poi ho fatto una striscia più grande che ho utilizzato per la base della poschette che però non ho trapuntato (non ha l’imbottitura) e sulla quale quindi ho attaccato la teletta termoadesiva (fiselina) per dare un pò di struttura. IMG_20140511_151011