headercolor

Era tanto che sentivo parlare dei procion per colorare la stoffa ma non mi ero mai decisa. Poi, complice il viaggio estivo negli USA ho deciso di acqistarli. I procion sono dei pigmenti in polvere per tingere la stoffa, i pigmenti possono essere mesolati come si vuole per ottenere i diversi colori, anche se in commercio si trovano già tantissime nuances.

Ieri con le amiche del T4P ci siamo ritrovate a impiastricciare con i colori.  il procedimento è piuttosto semplice e oltre i procion quello che serve è la soda ash (carbonato di sodio, lo trovate al supemercato) ed urea ( un po’ più difficile da reperire ma non strettamente necessaria). La soda ash aiuta a fissare il colore, mentre l’urea ha un’azione imbibente. Sostanzialmente  si aggiunge al pigmento che avete scelto l’urea e la soda ash e poi si aggiunge  acqua (tiepida), e poi si aggiunge alla stoffa. Qui potete decidere se versare il liquido colorato in una bacinella e poi aggiungere la stoffa oppure far colare il liquido sulla stoffa, insomma ci si può sbizzarrire. A seconda della modalità di tintura ovviamente cambierà l’effetto (più o meno uniforme). Si può decidere ad esempio di piegare la stoffa o di arricciarla in modo che il colore non si distribuisca in modo uniforme. Sul web si trovano tantissime tecniche di legatura che vi permettono di ottenere gli effetti più svariati (fate una ricerca con le parole “tie dye”). Nelle foto potete vedere un pò di prove. Ad esempio l’aggiunta di ghiccio sulla stoffa fa si che ci siano delle zone più chiare sul tessuto: si posiziona il tesssuto nella bacinella, si ricopre con il ghiccio si versa il colore e si aspetta che il ghiaccio si sciolga. Una delle cose belle dei procion è che i colori una volta sciolti nell’acqua non si mescolano più quindi è possibile versare prima un colore poi un altro per ottenere stoffe bicolore come ad esempio quella arancio e verde.  Conviene lasciare che la tinta faccia effetto per parecchie ore. Noi abbiamo lasciato nelle bacinelle le stoffe per un paio d’ore e poi le abbiamo inserite nei sacchetti gelo dell’ikea e risciacquate il giorno dopo. Il risciacquo è la vera rottura di scatole, dovete sciacquare a mano abbondantemente e quando vedete che non esce più colore potete fare un rapido lavaggio in lavatrice (vi consiglio di non mescolare colori molto diversi durante i risciacqui).

firma

img-20161015-wa0046img-20161015-wa0034provepicmonkey-collage2

Rispondi