cuscino2
Con questo calduccio cosa c’è di meglio di una dormitina pomeridiana sul divano? Il bracciolo è terribilmente scomodo 😛 , e allora? Un cuscino è proprio quello che serve!
E’ un periodo molto fitto e purtroppo non posso realizzare tutte le idee che ho in mente, men che meno tutte quello proposte dal T4P. Una delle iniziative che c’era e che mi piaceva riguardava appunto i cuscini. Prendendo spunto da quella ( e dalla cecagna pomeridiana 🙂 ) ho colto l’occasione per realizzare un cuscino per la mia nonnina.
Visto che siamo vicini a pasqua avevo deciso di fare qualcosa di attinente e avevo trovato su pinterest un progettino niente male con lo schema per l’appliquè di un coniglio che mi piaceva.
Potete realizzare una federa di 50 x 50 cm (20″x 20″) perfetta per i cuscini di ikea da 1.99 e 2.99 euro.
Il cuscino nell’insieme mi piace ma effetticamente la scelta della stoffa di contorno è stata un pò infelice perchè soffoca un pò il coniglietto applicato.
Realizzare il coniglietto è piuttosto facile, vi serve giusto la Heat’n Bond o un’altra carta termoadesiva per cucito.
Realizzate 32 quadrati 2.5″ x 2.5″ che disporrete come mostrato nel tutorial. In sostanza dovrete fare una griglia 6×5 con l’aggiunta di 2 quadratini sopra.
griglia coniglio Provate a disporli in diversi modi fino a trovare l’arrangiamento che più vi piace.
Dopo aver ricopiato la sagoma del coniglio e dei tulipani (separatamente) sulla carta termoadesiva, procedete posizionando la carta sui quadratini di stoffa (ovviamente precedentemente cuciti a 1/4″).

collage-coniglio
Stirate la sagoma sui quadratini (rovescio della carta sul rovescio della stoffa) e poi ritagliate la stoffa tutto intorno. Tagliate ora un quadrato 16″ 1/2″x 16″ 1/2″ dalla stoffa con cui volete realizzare il cuscino.
Centrate il coniglio nulla stoffa e i tulipani in modo da avere ben presente come dovrete comporre il disegno. Eventualemente segnate dei punti di riferimento. La prima cosa che dovrete stirare in posizione sono i 2 tulipani. Per prima la parte dentro piccolina e i gambi (vi conviene segnare con un gessetto o con un pennarello di quelli che scompaiono le posizioni dei fiori) e poi le 2 corolle. Successivamente stirate il coniglio nella posizione che avete trovato.
Utilizzate il punto che più vi piace per completare l’appilquè. Partite dal coniglio e poi fate i fiori.
Dobbiamo ora aggiungere la coda. Utlizzate una stoffa un pochino pelosa, una ciniglia o roba simile. Io ho riciclato un pezzo di una vecchia tutina di Ciottolina 😉 . Dopo aver cucito il coniglio applicatela sopra e stiratela per poi passare a rifinirne il bordo.
applicazione

A questo punto aggiungiamo dei bordi al pannello utilizzando gli scraps che avete usato per il coniglio. Tagliate delle strisce alte 1″ e cucitele. Poi squadrate il tutto. Aggiungiamo un altro bordo fino ad arrivare a 22″x 22″ finito. A questo punto postete iniziare a fare il sandwich e a trapuntare. Io non ho fatto una cosa porprio carina ma avevo poco tempo e sono andata con la macchina invece che di free motion (almeno ho potuto anche utilizzare qualche punto nuovo della mia super macchina).
Finito il trapunto riquadrate 21″x 21″. Tagliate due rettangoli 21″x 15″, orlateli entrambi da un lato (quello lungo) (io ho fatto un orlo da 1/2″). Io faccio in genere sempre anche gli zig zag dopo aver fatto l’orlo per essere sicura che il tessuno non sfilacci.
IMG_20150402_112511
Scusate l foto un pò penosa ma si vede come posizionare il rettangolo. Mettete anche il secondo rettangolo in modo che i due si sovrappongano centralmente. Mettete qualche spillo e cucite a 1/2″ tutto intorno. Dopo di che tagliate via gli angolini (in modo che quando andate a rigirare il cuscino sul dritto non ci sia tessuto che avanza sugli angoli) e fate lo zig zag tutto intorno. A questo punto risvoltate il cuscino e il gioco è fatto.
Devo ringraziare Milena e il T4P per le dritte sull’assemblaggio del cuscino. Trovate comunque anche qui un tutorial ben fatto su questa tecnica. Qui invece una chiusura leggermente diversa con dei laccetti, mentre per utilizzare una cerniera potete guardare sul blog di Daniela

firma

Rispondi